top of page

Recensione Concerti

Bordeaux - 15 maggio 1956

“Non è possibile fare di meglio, suonare meglio, essere altrettanto brillanti, altrettanto chiari, altrettanto sensibili, altrettanto virtuosi e nel rispetto assoluto dello spirito dell'opera. La mia grande ammirazione per questo mirabile violone solo, virtuoso di prima forza e animatore fervido di tutto l'ensemble.» 

M. R.

                                          

Aix-en Provence, Le Meridional - 22 luglio 1956

“...Nelle Quattro Stagioni, abbiamo applaudito l'eccezionale maestria del primo violino, che ha magnificamente guidato la dozzina di virtuosi della formazione... » 

 

Johannesburg, Die Transvaler - 29 settembre 1956

“….Il solista successivo è stato il giovane violinista Felix Ayo, nel concerto di Vivaldi per violino, archi e clavicembalo. L'equilibrio era bellissimo e Felix Ayo ha dato prova di una tecnica straordinaria. Il suo intuito musicale è di un'eccellenza che non può essere migliorata”  

J. v. d. M                                      

 

Milano, La notte - 14 febbraio 1957  

“…Le Quattro Stagioni” di Vivaldi …solista impeccabile il violinista Felix Ayo”

 

 

Barcelona, El Correo Catalan - 27 novembre 1957 

“… Tra i solisti - tutti magnifici - ci fa molto piacere segnalare il violinista di Bilbao Felix Ayo nel quale, ancora una volta, abbiamo ammirato la sua grande classe, il suo grande temperamento, la sua totale padronanza dello strumento.”

Oriol Martorell 

 

Montpellier, Midi Libre - 11 novembre 1958   

“….Anche se la lode qui va a tutto il gruppo dei dodici, saremmo ingrati a non sottolineare la parte che è andata al primo violino, Felix Ayo, un suonatore con le virtù di un solista virtuoso...”       

Alice Jervais

                                         

 

Lille, La Voix du Nord - 18 novembre 1958 

“... Tuttavia, dobbiamo menzionare Felix Ayo, primo violino e solista che guida l'ensemble, dandogli, grazie al suo notevole temperamento, la scintilla che trasforma l'esecuzione. Come solista nel 'concerto' di Vivaldi, questo raffinato artista brillava e riscuoteva un meritato successo.”           

P. Harkel

 

 

Granada - 1 luglio 1959  

“Felix Ayo ha dato prova di una magnifica sonorità, brillante, agile e impeccabile, con quello che qualificheremmo come un solista di grande categoria.”           

D. G. Alonso

Salzburg, Salzburger Nachrichten - 1960  

"Felix Ayo suona la parte solistica con dolcezza fondente e tono delicato e modellato con supremo virtuosismo"

Hannover, Hannover Presse - 1961

“Affascinante l'assolo tecnicamente e ritmicamente brillante del concertmaster Felix Ayo, accompagnato con spirito dall'orchestra.”

 

Bruxelles, Le Soir - 1963 

“Il Concerto in re minore, op. 3 n. 11 di Vivaldi ha coronato magnificamente questo concerto con un'esecuzione ricca di fiamma, energia, entusiasmo, un'ammirevole varietà di suoni e opposizioni chiaramente definite. Il "Largo", una vera ispirazione divina, si è svolto in un'atmosfera di pura emozione, grazie all'interpretazione del primo violino solista...”       P.T.

 

Rio de Janeiro, O Globo - 1964  

“Musicalmente e tecnicamente continuiamo ad ammirare i raggi di luce generati dal Guadagnini di Felix Ayo, della razza di Casals, Zabaleta e Segovia.”

 

Saint Etienne “I Musici” 1967 

"la perfezione fatta orchestra. - I Musici suonano, come si sa, senza direttore d'orchestra; ma c'è comunque un leader, un maestro del lavoro: il violinista Felix Ayo, che guida gli altri undici solisti nella realizzazione delle più delicate architetture sonore…”                            

Colette Canty

 

Buenos Aires, Teatro Colón, La Nación - 1964  

“La parte di maggiore responsabilità è stata affidata al violino solista Felix Ayo, che ha dato prova di condizioni eccezionali, dimostrando una completa padronanza dei colpi d'arco e una personalità flessibile e raffinata.” - Clermont Ferrand, 1965

« Retour triomphal de l’ensemble I Musici”.

“ ...Si trattava della Sinfonia Concertante per violino e viola di Karl Stamitz, in cui abbiamo trovato un Felix Ayo all'altezza di se stesso, cioè all'altezza dei più grandi, e un Cino Ghedin il cui modo di suonare preciso ed espressivo non può essere superato da nessun violista...”   

A. Pinto

 

Debutto del “Quartetto Beethoven” all’Estate Fiesolana

Fiesole, La Nazione -  22 luglio 1969

“Le esecuzioni del “Quartetto Beethoven” sono apparse di grande pregio… Delle proposte interpretative si è particolarmente ammirata la chiarezza dell’esposizione delle linee melodiche di Mozart, l’intensa e penetrante espressività in Brahms e lo spigliato dialogare in Mendelssohn … applausi calorosi e prolungati ai quattro strumentisti, che hanno ancora suonato un fuori programma.”

Recensioni Concertistiche del Quartetto Beethoven

 

Perth, The West Australian – 1992

The ensemble is nothing less than sublime

“Come un vino pregiato che matura, il Quartetto Beethoven di Roma, ventidue anni dopo la sua fondazione nel 1970, suona meglio che mai... Il Quartetto per pianoforte e orchestra in sol minore di Fauré ha ricevuto un'interpretazione mozzafiato da parte di questi quattro musicisti. Anche la più semplice successione di note è stata resa significativa. In questo senso, il Quartetto ha il tocco di Mida, che trasforma in oro tutto ciò che tocca".                                                           - Neville Cohn

Copenhagen, Teatro Tivoli, ‘Politiken’ ‘

“Quartetto con Pianoforte di Classe Mondiale”.

“La visita del Quartetto Beethoven al Tivoli è stato uno dei rari, importanti eventi della musica da camera. Ad iniziare dal suono, già dopo le prime battute l’ascoltatore è tutto orecchi. Con uno stupendo, profondo splendore, gli archi costruiscono un suono intimo e caldo, bello come un tramonto italiano…. IL Quartetto Beethoven interpreta tutta la musica con vivi sentimenti umani, senza diventare per un solo momento troppo sentimentale o teatrale…”                                                                                   

  • Jan Jacob

 

Buenos Aires, La Nacion - 1993 

‘Quartetto Beethoven’ & Franco Petracchi, controbasso.

“…Il notevole lavoro svolto dal Quartetto Beethoven, con l'apprezzabile supporto del contrabbassista Franco Petracchi, ha fatto di questo lavoro d'insieme un paradigma di sottigliezza nel fraseggio e nelle dinamiche, senza togliere spontaneità, ma anzi rieditando l'ineffabile piacere di ascoltare questi musicisti fare musica da camera."                                                                                   

- Hector Coda

Madrid, ABC (Auditorio de Madrid) 1996 

‘Beethoven de Roma’: Suma de Perfecciones’

“Schumann, con il suo 'Quartetto op. 47, ha saputo ben riunire le massime eccellenze interpretative del Quartetto Beethoven di Roma, nella perfezione di una insuperabile coerenza, di un suono magistralmente unificato e, soprattutto, da quella difficile naturalezza di traduzione, che va evidenziata all'interno delle eccellenze che vengono applaudite nel gruppo romano...”

  • Antonio Iglesias

 

Buenos Aires, La Prensa (teatro colon) 1997

‘cuatro grandes solistas’

 ‘ Alta qualità del Quartetto di Beethoven nel ciclo del Mozarteum" "...Ma mancava ancora la parte più sostanziosa della serata: il movimento quartettistico ('Quartettsatz') di un Gustav Mahler adolescente... Gli applausi hanno dato il via come bis a uno 'Scherzo' di Brahms che ci fa desiderare un pronto ritorno di questi quattro grandi interpreti.”

- Daniel Varacalli Costas

                                                                                                                                   

 Sydney, The Sydney Morning Herald - 1980  

‘Felix Ayo technique brillant’

“Il signor Ayo ha mostrato con grazia e senza sforzo come un vero maestro del violino affronta le esigenze di un repertorio di sonate. Tuttavia, la sua tecnica brillante è sempre al servizio della musica, prima di tutto. Il colore tonale, l'esemplare tecnica d'arco, il livello dinamico, ogni aspetto dell'esecuzione irradiava una sicurezza che deriva solo da una profonda comprensione e maturità musicale".                                                 Patricia Brown

 

Sydney, Sunday Telegraph - 1980 (Opera House) - Felix Ayo violin

“Un'esecuzione superba del Concerto per violino in sol maggiore di Mozart".                                                               - A. Reed

 

 

Madrid, ABC (Teatro Real), 1982 

“Il violinista Felix Ayo e la pianista Emma Jimenez formano un duo assolutamente esemplare... Attraverso un bellissimo programma di sonate di Mozart, Brahms e Strauss, il duo Ayo-Jimenez ha dimostrato un'esatta comprensione di ogni compositore e una comprensione non meno esatta di ciò che è la musica da camera e di come si fa...Il concerto di martedì, molto seguito, ha ricevuto interminabili ovazioni e richieste insistenti di 'bis'".”      - Enrique Franco

 

 

Valencia, Levante - 1983 

“Il violinista Felix Ayo, nel quale non sappiamo cosa ammirare di più, se la sua grande facilità nei passaggi più difficili, la sua perfetta intonazione e senso ritmico, la bellezza del suo suono o la sua espressività e il suo talento interpretativo, ci ha regalato una magnifica versione del 'Concerto in sol minore' op. 26. per violino e orchestra di Max Bruch”                                                                            - M. T. Oller

 

Fulda, Fulda Zeitung - 1984 

“Il clou della serata è stato Felix Ayo nel concerto per violino in sol minore di Max Bruch. Ayo ha tirato fuori il meglio dalla ricca partitura con il suo bel Guadagnini, il suo alto livello di esecuzione e la sua reale comprensione dell'opera. L'Adagio rimarrà a lungo nella memoria degli amanti della musica di Fulda".

 

Copenhagen, Frederiksborg Amts Avis -  1984 

Soloist/Conductor:  Felix Ayo, Programme: Rossini, Ouverture ‘Il Signor Bruschino’; Marcello: ‘Oboe concerto’; Vivaldi: Violin Concerto in G minor and Concerto for 2 trumpets. Boccherini: Symphony ‘La casa del Diavolo’.

“…Ayo è uno dei pochi solisti in grado, allo stesso tempo, di dirigere un'orchestra con autorità".

 - Borg Friis 

 

Madrid, Auditorio Nacional - 1989. 

‘La Sinfonica de Euskadi’ con Felix Ayo y Emma Jimenez, ovacionados en el Auditorio.’ 

“Il concerto per violino, pianoforte e orchestra del giovanissimo Felix Mendelssohn ha raggiunto i massimi livelli interpretativi ed esecutivi. La performance del duo solista Felix Ayo-Emma Jimenez non è stata solo buona, ma eccellente sotto ogni aspetto.”                                                        - Leopoldo Hontanon

bottom of page